ImpresAperta



Idee e strumenti

Employee engagement: 5 caratteristiche chiave

Scritto da
/ / 1 Commento

Per le imprese in forte crescita economica il coinvolgimento dei dipendenti non può essere una delle molteplici parti di un progetto o essere spalmato su più progetti diversi, bensì una parte integrante della strategia aziendale complessiva.

Inc.com, fonte di articoli online, ha delineato 5 caratteristiche chiave, interessanti da sviluppare in un’organizzazione per migliorare il livello di engagement.

5_caratteristiche

1. Come riportato da Inc.com, le organizzazioni con un elevato rapporto di dipendenti coinvolti, specialmente nella bottom-line, nel periodo 2010-2011 hanno registrato guadagni del 147% in più per azione rispetto alle aziende con maggiori dipendenti disengaged. Un rapporto di Gallup del 2013 ha inoltre riscontrato che, queste organizzazioni avevano maggiori valutazioni positive da parte dei clienti (10%), infatti tra il 40% e l’80% della soddisfazione dei customers è influenzata dai dipendenti.

2. Per “strumento aziendale” si intende un oggetto o una situazione usata come mezzo per ottenere un determinato scopo. Con questo significato bisogna interpretare il concetto di employee engagement: non è l’obiettivo, ma il mezzo con cui raggiungere lo scopo prepostosi. Il coinvolgimento dei dipendenti, come sostiene Chris Ostoich, perde di significato se non è legato a un risultato di business.

3. Proprio in quanto “strumento aziendale”, l’employee engagement richiede una propria strategia di sviluppo attraverso 3 fasi:

  • Progettare: decidere cosa si vuole realizzare, quali figure aziendali coinvolgere nel processo, come e quando valutare l’impegno.
  • Comunicare: riferire a chi è interessato nell’intero progetto ciò che si sta facendo e per quale ragione.
  • Sviluppare e condividere: i dipendenti hanno bisogno di vedere l’interesse da parte di management e leadership, conoscere i risultati e come si stanno raggiungendo.

4. Le linee manageriali del processo organizzativo a livello locale – manager, dipartimenti e leadership – ricoprono un ruolo chiave nello sviluppo dell’engagement. Difatti quando questi ultimi possiedono uno strumento per monitorare l’impegno e l’autonomia nello svolgimento del proprio lavoro, le organizzazioni vedono risultati realmente positivi sull’ employee engagement locale.

5. Diventa, infine, necessario possedere informazioni in tempo reale riguardo al coinvolgimento dei dipendenti è fondamentale infatti ricevere feedback ongoing dai dipendenti rispetto a problematiche o situazioni che potrebbero compromettere il benessere organizzativo e di conseguenza il livello di employee engagement.

I ricercatori della Wharton School of Business presso l’Università della Pennsylvania e la Warwick Business School, nel Regno Unito, hanno scoperto che la soddisfazione dei dipendenti è strettamente collegata a rendimenti positivamente anomali. Negli ultimi anni, con i numerosi cambiamenti ambientali ed economici che si sono verificati, si è reso necessario comprendere appieno il significato di coinvolgimento e delineare la giusta strategia per condurre a migliori risultati organizzativi. I 5 aspetti dell’employee engagement sono un ottimo punto di partenza per sviluppare una well-being organizzativa e condurre i comportamenti dei propri dipendenti verso maggiore collaborazione e condivisione.